Le aiuole hanno un  effetto scenografico e decorativo ma devono essere considerate anche sotto un aspetto funzionale. Possono infatti delimitare gli spazi e le zone del giardino stesso ed è bene dedicare un po’ di tempo alla progettazione dell’intero spazio. Capire quali saranno le aree dedicate al passaggio, al relax o semplicemente quelle ornamentali, è dunque fondamentale. E’ consigliabile inoltre tenere conto della presenza, nel giardino stesso, di altre piante. E’ sconsigliato infatti sistemare le aiuole vicino a piante da esterno dalle radici troppo profonde, per evitare che sottraggano sostanze nutritive e acqua necessarie alla crescita e alla cura dei fiori.

Prima di sistemare le aiuole, saranno necessarie delle lavorazioni particolari del terrenovangando in profondità per togliere pietre ed erbacce che si insinuano in maniera spontanea in giardini e ordi e talvolta possono diventare infestanti. Se poi il terreno non è particolarmente ricco, si dovrà procedere con una bella concimazione a base di potassio: quella più indicata e che si trova facilmente in commercio. E poi, pensando bene a dove e come, si dovranno scavare dei buchi se si sceglieranno le bulbose e per questa operazione, si potrà utilizzare un piantabulbi.

In base al progetto verranno poi scelti i materiali per le bordure con cui delimitare le aiuole: saranno siepi di fiori quando si vorranno dividere bene le zone ma anche muretti o mattoncini in cotto per le bordure più basse. E poi bisogna scegliere le piante a foglia verde o a fiore, adatte all’aiuola stessa, che possano donare un aspetto sano e colorato. Per avere delle aiuole colorate e rigogliose, ci vorranno soprattutto tanta pazienza e molte cure: con il tempo sarà possibile vedere un buon risultato.

 

Email this to someoneTweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+